Centro del Riuso

Il Centro del Riuso “AltroGiro” nasce da un’intuizione dell’Assessorato all’Ambiente del Comune di Parma, che nel novembre 2015 ha proposto un bando pubblico alle organizzazioni di volontariato cittadino per istituire “un’attività di allestimento, gestione e custodia di un Centro del Riuso”.  L’Associazione EcoSolgea Onlus ha vinto il bando cosicchè ad aprile 2016 ha avviato un servizio che intende promuovere il riutilizzo di materiali non più adoperati dal cittadino, ma ancora in condizioni di essere efficacemente utilizzati per gli scopi e le finalità originarie. La riparazione ed il riutilizzo dei beni possono essere operazioni molto più vantaggiose rispetto al conferimento presso i Centri di raccolta e smaltimento, in quanto restituiscono nuova vita ad oggetti, beni o parti di essi che altrimenti verrebbero smaltiti.

La nostra mission

Promuovere una cultura della solidarietà internazionale, della cooperazione decentrata, con particolare riferimento al tema dell’ecologia e del sostegno sociale. Le cose vecchie e dimenticate, che solitamente vengono gettate, vanno a riposare per essere restaurate, ripulite e spesso rimesse in vendita a prezzi stracciati, per chi è ancora capace di riconoscergli un valore. È sempre più difficile educare a concetti simili in una società consumista dove tutto si butta e si compra nuovo. Organizziamo inoltre degli incontri di sensibilizzazione in Italia per combattere i meschini stereotipi che sfigurano l’Africa, in particolare la stretta collaborazione con il Senegal. Promuoviamo incontri in entrambi i paesi per condividere le nostre esperienze e, nel contempo, sostenere le culture locali.  In particolare, proponiamo il Turismo Solidale per scopi sociali.

La nostra filosofia

La filosofia che sostiene questo progetto è diffusa in diverse realtà italiane ed europee che, a diverso livello, cercano di porre un freno al consumo, che induce a buttare beni funzionanti col solo scopo di ottenere un oggetto di ultima generazione. Il Gruppo è passato dall’ assistenza diretta a famiglie, in un faticoso, ma gratificante, lavoro di selezione dei beni mancanti, partendo dalla redazione di un quadro anagrafico completo della famiglia, in modo da portare quanto effettivamente necessario (vestiti di taglia giusta, giocattoli adatti, casalinghi, mobili, ecc…). I lavori preparatori sono sempre stati eseguiti grazie al supporto di persone che, sacrificando il tempo libero, hanno lavorato per pulire, riparare, selezionare. Il tutto con l’aiuto iniziale dei Camion della Protezione Civile Volontaria di Parma cui vanno ringraziamenti infiniti.